logo Ravenna Screen

RAVENNASCREEN PROJECT
In convenzione con il Comune di Ravenna

SABATO D'ESSAI

 

sabato 15 febbraio - ore 21:00

Cinema Corso via di Roma 51 Ravenna
 

UNA FRAGILE ARMONIA

di Yaron Zilberman (105’)
Con: Philip Seymour Hoffman, Christopher Walken, Catherine Keener


La nuova stagione operistica sta per iniziare e un famoso quartetto d'archi celebra il suo 25° anniversario. Tuttavia, il violoncellista Peter Mitchell riceve una drammatica notizia: è affetto dal morbo di Parkinson. Il musicista, consapevole che questa potrebbe essere la sua ultima prova, vuole comunque affrontare la stagione imminente. I suoi tre colleghi si trovano così di fronte a un bivio, e costretti ad affrontare rivalità personali e passioni incontrollabili: Robert Gelbart, il secondo violino, annuncia di voler alternare il proprio posto con quello del primo violino Daniel Lerner; la violista Juliette Gelbert, moglie di Robert, non riesce invece ad affrontare l'idea di poter perdere l'uomo che per lei non rappresenta solo un collega. Juliette, infatti, non condivide le scelte di Robert portando scompiglio nel matrimonio e trascinando nel vortice della tensione anche la figlia Alexandra, pure lei talentuosa violinista. Nel frattempo le prove per la messa in opera dell'opera 131 di Beethoven vanno avanti: solo gli stretti e intimi legami, uniti al potere della musica, potranno preservare ciò che tutti loro hanno costruito in oltre vent'anni di sodalizio.

"Sulle segrete tensioni che anni e anni di forzata consuetudine possono creare fra i componenti di un quartetto d'archi, Fabio Carpi aveva realizzato nel 1982 un bel film, 'II quartetto Basileus', dove la morte di uno dei componenti scatenava distruttive dinamiche di gruppo. Anche in 'Una fragile armonia' (The Late Quartet) è un fattore esterno - l'insorgere del Parkinson nel violoncellista Christopher Walken, il più anziano dei quattro - a provocare una catena di smottamenti psichici che conducono sull'orlo di una rottura, ma alla fine l'amore per la musica prevarrà sulle dissonanze emozionali. Del crepuscolare film Yaron Ziberman è esile e prevedibile la tessitura drammaturgica; mentre sono fini le osservazioni sulla natura del quartetto, con le sue ben definite voci strumentali che giocano a rincorrersi, intrecciarsi, annullarsi l'una nell'altra al servizio del puro disegno musicale; e sono eccellenti gli interpreti, soprattutto il dolente Walken e il secondo violino Philip Seymour Hoffman. Quando poi risuonano le note del quartetto in do diesis minore op.131 di Beethoven, scelto da Walken per congedarsi da pubblico, ogni cosa si solleva sul piano del sublime."

Ideato e realizzato da StartCinema
www.startcinema.it
Per informazioni
start.startcinema@gmail.com


"Tre realtà per un unico progetto: Ravenna Screen segna l’inizio di un nuovo corso cinematografico che porta con sé l’ambiziosa missione di arricchire le stagioni della settima arte."
<< gennaio 2019 >>
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

NEWSLETTER
i campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori
E-mail:* campo obbligatorioFormato non valido.
Nome:
Cognome:
Privacy*: campo obbligatorio



grifo.org