logo Ravenna Screen

RAVENNASCREEN PROJECT
In convenzione con il Comune di Ravenna

SABATO D'ESSAI

 

sabato 7 febbraio - ore 21:00

Palazzo del Cinema e dei Congressi - Largo Firenze 1, 48121 Ravenna
 

CLASS ENEMY

di Rok Bicek (112’)
Con: Igor Samobor, Nataša Barbara Gracner, Tjaša Železnik

PREMIO FEDEORA COME MIGLIOR FILM DELLA 28. SETTIMANA DELLA CRITICA (VENEZIA, 2013).


Il mese di febbraio si apre Sabato 7 Febbraio con lo slovacco, Premio Fedeora Come Miglior Film Della 28. Settimana Della Critica, Venezia, 2013: CLASS ENEMY, di Rok Bicek. Slovenia, oggi. Un liceo come tanti. Una classe come tante. Una quotidianità come tante. Ma è davvero tutto così ordinario, così regolare? È davvero tutto così tranquillo, sotto la patina di normalità? Basta l’arrivo del nuovo professore, il durissimo Robert (uno straordinario Igor Samobor, superstar del cinema sloveno!), per innescare un violento corto circuito: didattico, prima, e umano, poco dopo, quando la tragica morte di una studentessa devasta gravemente gli equilibri. Il dolore dei ragazzi si traduce immediatamente in rabbia e la rabbia, alimentata da interrogativi esistenziali troppo difficili da affrontare, si traduce in caccia: caccia al colpevole, caccia al nemico. Una scorciatoia emotiva che impatta, fatalmente, contro il nuovo professore: il colpevole perfetto, il nemico perfetto. Come finirà la guerra? Cosa porterà e quanto costerà, a ciascuno, quell’atto di cieca ribellione?

Slovenia, oggi. Un liceo come tanti. Una classe come tante. Una quotidianità come tante. Ma è davvero tutto così ordinario, così regolare? È davvero tutto così tranquillo, sotto la patina di normalità? Basta l’arrivo del nuovo professore, il durissimo Robert (uno straordinario Igor Samobor, superstar del cinema sloveno!), per innescare un violento corto circuito: didattico, prima, e umano, poco dopo, quando la tragica morte di una studentessa devasta gravemente gli equilibri. Il dolore dei ragazzi si traduce immediatamente in rabbia e la rabbia, alimentata da interrogativi esistenziali troppo difficili da affrontare, si traduce in caccia: caccia al colpevole, caccia al nemico. Una scorciatoia emotiva che impatta, fatalmente, contro il nuovo professore: il colpevole perfetto, il nemico perfetto. Come finirà la guerra? Cosa porterà e quanto costerà, a ciascuno, quell’atto di cieca ribellione?

Diretto da un regista sloveno non ancora trentenne e presentato alla Settimana delle Critica di Venezia, un esordio intelligente che scarta ammirevolmente tutti gli stereotipi dello 'school movie'. Non solo per l'ottima composizione del cast, assortimento di attori professionisti e studenti scelti nelle scuole. La sua forza sta nell'assumere diversi punti di vista, mostrando anche le ragioni di un insegnante severo perché prende il suo compito molto seriamente. Così che il vero colpevole diventa il sistema educativo (non solo) sloveno, proiezione di una society dove permissivismo fa rima con indifferenza, generando effetti depressivi sui giovani." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 9 ottobre 2014)


"Tre realtà per un unico progetto: Ravenna Screen segna l’inizio di un nuovo corso cinematografico che porta con sé l’ambiziosa missione di arricchire le stagioni della settima arte."
<< gennaio 2019 >>
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

NEWSLETTER
i campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori
E-mail:* campo obbligatorioFormato non valido.
Nome:
Cognome:
Privacy*: campo obbligatorio



grifo.org